Giuseppe Marino, il sogno Inter spezzato da un incidente con l’auto di Klinsmann

Schermata 2019-10-05 alle 16.30.40.png

Jürgen Klinsmann, Paolo Stringara e Giuseppe Marino ai tempi in cui erano compagni all’Inter

ALE

Un colpo di sonno. La Peugeot cabrio Pininfarina che sbanda, vola via e diventa un ammasso di lamiere. Là dentro c’è Giuseppe Marino, 23 anni, difensore palermitano con un futuro da titolare nella difesa dell’Inter. Almeno così gli avevano promesso e così scrivevano i giornali. Ma la carriera di Marino conosce un brusco stop in quella maledetta domenica: 21 giugno 1992. L’inizio dell’estate che si trasforma in un guaio. Giuseppe Marino, palermitano del quartiere Romagnolo, finisce in ospedale. Se la caverà senza problemi, ma il treno del grande calcio, ovvero l’Inter e una maglia da titolare, non lo aspetta.

Read More

Zanetti il “cattivo”, 17 anni fa

ALE

Ventuno maggio. Mercoledì pomeriggio, come adesso mentre scrivo. Alle 18 vado a giocare con gli amici, è appena finito il “Processo alla tappa”. Dovevo capirlo subito che era giornata strana. Ho visto Cipollini scattare in salita ai piedi del monte Terminillo e tentare la fuga solitaria prima che dietro si scatenasse la bagarre. Già che il Giro va su Rete 4 è una stranezza, poi lo scatto di Cipollini è troppo. Alla sera c’è Inter-Schalke. I ragazzi di Roy Hogdson, il mister che in quei giorni era sbeffeggiato da mister Flanagan a Mai dire Gol, devono ribaltare lo 0-1 subito in Germania. Questi tedeschi non sono forti, ma sono duri come l’acciaio della Ruhr.

Read More