Iachini e il rigore in curva di Biffi

ImageALE

“Qual è la via più affollata di Palermo?”, chiese Fabio Capello in sala stampa, con il mento più spigoloso del solito, dopo una partita infinita. “Via Ruggero Settimo, di sabato pomeriggio” – rispose un cronista indigeno. ”Ecco, oggi il bordocampo della Favorita sembrava via Ruggero Settimo durante un sabato pomeriggio…”, fu la chiosa del sergente friulano, prima di dirigersi verso il pullman e abbandonare la Sicilia. Sogni di una notte di fine estate. Flash di un’impresa a metà. Il giorno resta scolpito nella memoria dei tifosi rosanero.

Read More

Venditti e la maturità di Mil4n-Barcell0na

ALE

Ore 21.53. E’ il 25 maggio 2005. Nella corrida di Istanbul, Milan e Liverpool si giocano la finale di Champions. Kakà è steso al limite dell’area da Hyypia. Dudek evita lo 0-4 schiaffeggiando una punizione di Shevchenko diretta all’incrocio. È una partita a senso unico. Il Milan di Ancelotti viaggia verso un’altra sicura affermazione in Europa. E lo fa alla grande, umiliando l’avversario. All’orizzonte c’è un altro epocale 4-0, dopo quello delle finalissime dell’89 e del ’94.

Read More

Gli Invincibili caduti a primavera

ALE

“Scala svegliati è primavera”. Il vecchio Nevio ne ha viste tante. Troppe. Ma quando guarda quella splendida pennellata morire all’incrocio dei pali, non ci crede. Mentre Sebastiano Rossi raccoglie la palla in fondo al sacco, c’è chi si divide, pazzo di gioia. Chi osserva le infinite capriole di Faustino Asprilla, l’uomo del miracolo che incanta la Scala del calcio. Chi invece osserva il flemmatico Nevio esplodere di gioia.

Dal Parma al Parma. Per finire ancora al Parma. I titoli di coda di un’impresa storica, che va al di là di ogni sport e bandiera. Finisce la serie positiva più lunga della storia del pallone. È il 21 marzo ’93. L’inizio della primavera, la fine dell’estate rossonera. Il Milan dei Meravigliosi conosce la prima sconfitta dopo una striscia di 58 partite, iniziata due anni prima proprio contro il Parma.

Read More