Zanetti il “cattivo”, 17 anni fa

ALE

Ventuno maggio. Mercoledì pomeriggio, come adesso mentre scrivo. Alle 18 vado a giocare con gli amici, è appena finito il “Processo alla tappa”. Dovevo capirlo subito che era giornata strana. Ho visto Cipollini scattare in salita ai piedi del monte Terminillo e tentare la fuga solitaria prima che dietro si scatenasse la bagarre. Già che il Giro va su Rete 4 è una stranezza, poi lo scatto di Cipollini è troppo. Alla sera c’è Inter-Schalke. I ragazzi di Roy Hogdson, il mister che in quei giorni era sbeffeggiato da mister Flanagan a Mai dire Gol, devono ribaltare lo 0-1 subito in Germania. Questi tedeschi non sono forti, ma sono duri come l’acciaio della Ruhr.

Read More