Archivi categoria: Intimismo

Leandro Rinaudo non è un “farabutto”

Leandro Rinaudo e Giovanni Tedesco durante l'incontro del marzo 2006 alla scuola Alberico Gentili (foto tratta dall'archivio del Giornale di Sicilia)

Leandro Rinaudo e Giovanni Tedesco durante l’incontro del marzo 2006 alla scuola Alberico Gentili (foto tratta dall’archivio del Giornale di Sicilia)

FRANK

Tutti con Pepito Rossi. E tutti contro Leandro Rinaudo. “Un farabutto” per il presidente della Fiorentina Andrea Della Valle dopo il fallo sul capocannoniere viola. “Intenzionale” secondo l’allenatore gigliato Vincenzo Montella. No, io non ci sto! Va bene la solidarietà per il mini bomber, ma gli attacchi a Rinaudo mi sembrano gratuiti.

Leggi il resto di questa voce

Annunci

11 settembre

FRANK

Io non so se ci siamo visti quell’11 settembre lì. Io non so se Alessandro, l’altro autore di questo blog, ha incrociato il mio sguardo quella mattina in via Aquileia.

Stavamo facendo i test per accedere ai corsi a numero chiuso di Scienze della Formazione, mentre in America, Mohamed Atta e compagnia brutta scrivevano una delle più tristi pagine della storia.

E’ però bello ricordare che in una giornata terribile come quella, io e Alessandro eravamo nello stesso posto nello stesso momento. Che quell’11 settembre lì sono state poste le basi di una delle più grandi amicizie della mia vita.

E non è una coincidenza che i miei due più cari amici d’infanzia, due gemelli, siano nati il 10 settembre. Adesso la vita ci ha un po’ allontanati, ma ieri hanno fatto 30 anni e gliel’ho scritto in un messaggio che li porterò sempre nel cuore.

Ah, Alessandro fa il compleanno il 14 settembre, fra tre giorni. E’ nato lo stesso giorno di Amy Winehouse e sei mesi esatti dopo me. Ma questa è un’altra storia.

Sant’Antonio (Iannazzo)

Umberto Zanotti Bianco

ALE

La solita Lacoste amaranto “d’ordinanza”, cioè quella che serve per presentarsi agli esami, perché la scaramanzia non è mai troppa. Uno spot del “non è vero ma ci credo”. L’estate che bussa alle porte, il solito timore reverenziale nei confronti del professore. Ma quella volta la tensione si sciolse in un attimo. Una saletta piccola, simpatici conciliaboli coi colleghi, per ingannare l’attesa e dribblare l’ansia. Il libro su cui avevo impostato l’esame raccontava la vita di tale Umberto Zanotti Bianco, un politico della prima metà del Novecento. Non so perché ma ricordo tutto di quel libro. Merito del prof.

Leggi il resto di questa voce

Mio nonno, mio padre e Milito

FRANK

Mio nonno Francesco è morto nell’agosto del 1959. Lui che era nato a Favara, cadde dal terzo piano di un palazzo di via Agrigento, a Palermo. Era al lavoro, faceva il carpentiere. Mio padre aveva 4 anni. Nonostante la tragedia, è venuto fuori un grande uomo, cresciuto tra sei fratelli e quattro sorelle. E una mamma eccezionale.  Oggi mio padre compie 57 anni. Buon compleanno, papà.

Diego Milito arriva all’Inter nel 2009.  Inizia la stagione con il gol su rigore nel 4-0 al Milan, nell’agosto del 2009, cinquant’anni dopo la morte di mio nonno. La finisce con la doppietta del Bernabeu contro il Bayern. Ventidue maggio 2010. Quel giorno mio nonno Francesco avrebbe fatto il compleanno. Come oggi lo fa mio padre. Come oggi lo fa Diego.  Buon compleanno, Diego.