Archivio mensile:gennaio 2020

“Ucciso per aver rubato nel covo segreto di Riina”: il mistero di Angelo, ragazzo sparito nel nulla

ALE

Oggi sono 27. Ventisette anni. Di Angelo non si hanno più tracce da un altro 22 gennaio. Era il 1993. Angelo è Angelo Gullo, ragazzo di 26 anni scomparso nel nulla nel cuore dell’inverno. Sarebbe stato inghiottito dalla lupara bianca perché mesi prima avrebbe osato vandalizzare il covo del boss Totò Riina, all’epoca l’uomo più ricercato d’Italia. Almeno, così hanno poi raccontato due pentiti di mafia nel 2008, come riporta un articolo del Corriere della Sera.

Leggi il resto di questa voce

Trent’anni fa a Palermo: il graffio della Pantera, l’ultimo sussulto giovanile del Paese

ALE

Oggi i ragazzi del ’90 sono dei cinquantenni. Avvocati, manager, professionisti. Furono loro i protagonisti della Pantera, l’ultimo vero sussulto giovanile capace di scuotere un Paese intero. Sì, sono passati 30 anni. Tutto ebbe inizio da una banalissima occupazione di facoltà nell’università di Palermo. Da poco avevano smesso di soffiare i venti della contestazione, il Sessantotto era lontano ma non troppo, il muro di Berlino era appena caduto e il mondo era in fermento. A Palermo la Pantera uscì allo scoperto nelle aule di viale delle Scienze. Un graffio che divenne scintilla e che presto si trasformò in incendio, infiammando l’intero sistema dell’Università italiana.

Leggi il resto di questa voce