Un bambino alla Favorita: Palermo-Padova, 25 anni fa l’alba di Del Piero

del piero padova.jpg

ALE
Oggi come ieri: 17 maggio 1992, 25 anni fa. Sei giorni prima della Strage di Capaci, Palermo chiude l’ultima settimana prima dell’Apocalisse. E’ domenica, fa caldo, e in viale del Fante arriva un pullman bianco. Là dentro c’è un ragazzino di 17 anni, che sta assaggiando per la prima volta il calcio dei grandi. Alessandro Del Piero, non ha ancora le basette e neanche la maglia numero 10 sulle spalle. E’ un talentino veneto che sta per muovere i primi passi.

Alla Favorita c’è Palermo-Padova, crocevia fondamentale per la corsa salvezza. I ragazzi di Di Marzio hanno bisogno dei due punti (i 3 erano solo roba inglese all’epoca) per continuare a sperare. I rosanero sono terz’ultimi (ne scendono 4) a quota 29, ma galleggiano in buona compagnia, perché anche Casertana e Lecce sono incollati al Palermo. Il Padova, che si presenta alla Favorita con Bonaiuti in porta e Di Livio a fare su e giù sulla fascia destra, trema: è a 31 punti. Racchiuse in 2 lunghezze ci sono 9 squadre. Insomma, è un finale di campionato favoloso.

I Di Marzio boys però possono contare su un amico che non tradisce: la Favorita. In casa infatti il Palermo è un’armata invincibile, ed è lì che sta costruendo le sue speranze (che crolleranno un mese dopo). Lo scheletro dei padroni di casa è di livello: Taglialatela in porta, Biffi in difesa, Centofanti uomo ovunque e Rizzolo-Lunerti in avanti. Il Padova crolla a inizio ripresa. Prima Bresciani e poi De Sensi. La legge della Favorita non fa sconti a nessuno. Lo sa anche Sandreani, l’allenatore degli ospiti. Che a dieci minuti dalla fine tenta la carta della disperazione.

Fa chiamare Del Piero, che si sta riscaldando sotto la Sud, per buttarlo nella mischia al posto di Tentoni (Davide, il Tentoni meno famoso). Alessandro ha il numero 14 sulle spalle, viene preso in consegna da Pullo e Biffi. Tocca pochi palloni, è ancora acerbo, ma è un talento che può esplodere da un momento dall’altro. Se ne accorge la gente della Favorita: Del Piero non passa inosservato, profuma di speranza. Quella speranza che i palermitani perderanno sei giorni dopo. Ma questa è un’altra storia.

Annunci

Pubblicato il 17 maggio 2017, in Calcio con tag , , , , , , , , , , , , , , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: