Archivio mensile:marzo 2017

Salvatore e Mariano, che fine avete fatto? Un silenzio lungo 25 anni

ALE

Se sono ancora vivi, oggi hanno 38 e 40 anni. L’indicativo profuma di speranza, anche se il periodo è molto ipotetico. Mariano Farina e Salvatore Colletta come Santina Renda: tre ferite che il tempo non cancella. Scomparsi anche loro nel nulla. Ancora marzo, ancora quei terribili anni Novanta. Gli interrogativi sulla fine di Santina, inghiottita chissà dove a Palermo poco prima, sono ancora limpidi quando Mariano Farina, 13 anni, e Salvatore Colletta, 15 anni, non fanno più ritorno a casa e piombano nel libro nero degli scomparsi. E’ il 31 marzo 1992: 25 anni fa esatti. 

Leggi il resto di questa voce

24 marzo, l’Italia è “sempre” a Palermo

italia malta

FRANK

Sono corso a casa di mia madre stamattina. Questo 24 marzo con l’Italia a Palermo, non mi suonava nuovo. E infatti: ho trovato il biglietto di Italia-Malta, giocata alla Favorita il 24 marzo 1993. Ventiquattro anni fa come oggi, un 24 marzo in fotocopia. Gli azzurri a cercare punti importanti per qualificarsi ai Mondiali sotto Monte Pellegrino. Stavolta c’è la rognosa Albania, allora c’era Malta, poca roba.

Leggi il resto di questa voce

La scomparsa di Santina Renda: un mistero lungo 27 anni

Santina Renda

ALE
Un fiore sbocciato e volato via troppo in fretta, in uno dei primi tramonti, all’alba della primavera. Un mistero lungo 27 anni. E’ il 23 marzo 1990 quando Santina Renda svanisce nel nulla. E’ passata una vita, sembra ieri. Palermo – appena uscita a fatica dai terribili anni ’80 e dai suoi 1.500 morti ammazzati dalla mafia – cerca di voltare pagina. Poi ripiomba nell’incubo, quando una creatura del Cep, di appena sette anni, scompare improvvisamente. Santina sta giocando con alcuni bambini del suo quartiere. Con lei c’è anche la sorellina Francesca.

Leggi il resto di questa voce

Beppe Compagno non punge, le api sì: sciame fa fermare Samp-Pescara

Mafia/*Massoneria, Antimafia: preoccupante rischio infiltrazioni mafie

Gianluca Pagliuca, quando difendeva la porta della Sampdoria

ALE
La benzina, i gelati, il miele, due squadre che non pungono. Cronaca surreale di un pomeriggio di maggio al volemose bene. Vecchia storia, datata 1993. Stadio Marassi, Genova. Samp e Pescara, domani di nuovo rivali al Ferraris, si sfidano nel classico contesto di fine stagione. Ritmi balneari, gente in costume sugli spalti.

E’ la Samp di Mancini, appena uscita dal ciclo d’oro di Vialli e Boskov. La banda di Eriksson, con Corini in panchina (numero 15 sulle spalle) prova ad acchiappare l’ultimo treno per la Uefa. Sulle maglie doriane è stampato lo sponsor Erg (la benzina).

Leggi il resto di questa voce