Archivio mensile:dicembre 2013

Juventus, Milan, Cska: Capodanno a Palermo

triangolare capodanno palermoALE

“Che cosa è un triangolare di 45 minuti? Mai sentito”.  Cosa ci fanno Roberto Baggio, Franco Baresi e un’accozzaglia di russi in viale del Fante, a poche ore dalla notte di San Silvestro? Sono tante le domande che si rincorrono in una sera palermitana di 22 anni fa. Ore 20: Italia Uno mostra alla Nazione un modo nuovo di rendere più amichevoli le amichevoli. Milan, Juventus e Cska Mosca. No, non è una notte qualunque. Anche se, sulla carta, in palio c’è solo il torneo “Amaro Lucano”. Tre squadre invece di due, sostituzioni a tempesta, soldi, spettacolo. E tifosi. Tanti. Anche se Schillaci non c’è. E già questa è una notizia, visto che il battesimo di questi strani triangolari che di lì a poco asseteranno le nostri estati senza calcio “vero”, avviene a Palermo.

Leggi il resto di questa voce

Annunci

Andenna: Giochi senza frontiere? Lavoro per riportarli in tv

andennaFRANK

Chi ha fra i 30 e i 50 anni non può non ricordare Giochi senza frontiere. Il fil rouge, il countdown del giudice “trois, deux, un…” ed Ettore Andenna. Abbiamo intervistato proprio lo storico conduttore  che, udite udite, non esclude il ritorno sugli schermi della trasmissione.

Ecco il testo dell’intervista.

Qual è l’edizione che ha nel cuore? E la puntata? E il momento che non dimenticherà mai?

Senza dubbio la puntata di Macao in Cina nel dicembre 1990, dire fantasmagorica ed irripetibile è dire poco, per i colori, la coreografia e l’atmosfera.

Leggi il resto di questa voce

Franco Franchi e il Galatasaray a pranzo

franco franchiALE
Esco da scuola. Ho ancora l’inchiostro che mi sporca le mani. Segno di qualche scarabocchio di troppo sui banchi. Quinta elementare, chiazze di gesso, i rimbrotti della maestra, che a quel tempo è più una mamma che una docente. Torno a casa alle 13.30. Ho fretta, cerco subito il telecomando. Mia nonna guarda  “Il pranzo è servito”. Ma a me di Davide Mengacci, non me ne frega niente. È il 9 dicembre. Sono passati esattamente 21 anni. C’è il mercoledì di coppa, per un bambino di 9 anni è il massimo della vita. Aspetto il collegamento da Istanbul, c’è Galatasaray-Roma, ottavi di Coppa Uefa, antipasto di una lunghissima giornata di calcio.

Leggi il resto di questa voce