Archivio mensile:aprile 2012

Quel Palermo-Parma pennellato da Vasari

ALE

L’impresa impossibile si fiuta già dal mattino. La Gazzetta titola in prima pagina: “Palermo e Bologna capitali dei sogni”. E’ il 31 agosto 1995, tempo di Coppa Italia. Quella che ancora nasconde fascino e imprevedibilità, perché capace di mettere di fronte nobili decadute a big acclamate, nella tana dei più deboli. A cullare il sogno di una notte di fine estate è una Favorita piena come non mai. Palermo-Parma è l’epicentro dei sedicesimi di finale. Stadio esaurito già un’ora prima. C’è la diretta su Rai3 ma si sta stretti come le sardine, c’è caldo ma non troppo. Prima del fischio d’inizio ci si alziamo in piedi per ricordare i cinque operai morti mentre ricostruivano la Favorita.

Leggi il resto di questa voce

Franco, Ciccio e Ciocci

FRANK

Di Matthaeus si sapeva che avrebbe potuto fallirlo. D’altronde erano passati pochi mesi dal rigore sparato su Pagliuca e di uno scudetto consegnato alla Samp. Ma da Brehme? Chi se lo sarebbe mai aspettato? Glaciale, teutonico, Andy Brehme, un anno prima, aveva fatto piangere dal dischetto Maradona. Eppure il 15 settembre 1991, a San Siro, tradì anche lui. Piatto destro non troppo angolato e Gregori come un gatto a parare il secondo penalty della giornata.

Leggi il resto di questa voce

Tiri Mancini

ALE

Un calcio di Marcolin per frenare sul nascere lo sturm und drang africano. Una palla buttata al di là della trincea biancoceleste. George Weah è una saetta impazzita che buca Nesta e Chamot e si avventura verso il portiere. Corsa da gazzella per andare a riprendere il pallone al limite dell’area e fulminare l’ultimo ostacolo, prima di essere sommerso dall’abbraccio dei compagni davanti alla panchina. Costacurta, Ambrosini, Di Canio. La mascella di Capello per la prima volta si addolcisce. Allegria e incredulità. Gioia e rivoluzione. Come quella che aveva portato Franco Mancini, portiere-meteora della Lazio di Zeman e spettatore-comparsa nel gol capolavoro di Weah, datato dicembre ’95.

Leggi il resto di questa voce