Peppino, quello che “parlava assai”

FRANK

Qualche anno fa a Cinisi. I ragazzini della scuola media intervistano il sindaco Salvatore Palazzolo per il Giornale di Sicilia. Io sono lì per raccogliere il testo di domande e risposte, la mia amica e collega Sandra, irpina, perché non ha mai visto il paese di Peppino Impastato.

La scuola è intitolata a Giovanni Meli, poeta palermitano vissuto tra Settecento e Ottocento. Ma di Peppino c’è traccia in alcuni cartelloni preparati dagli alunni. Sandra si ferma ad osservarli, la professoressa loda il lavoro dei suoi allievi. Incontriamo un bidello, una sessantina d’anni, di sicuro lui avrà conosciuto Impastato. Sandra glielo chiede. Magari si aspetta il lungo racconto classico della gente di una certa età. La risposta è secca, laconica: “Parlava assai”.

Oggi Peppino avrebbe compiuto 64 anni. Forse “parlava assai”, di sicuro più  e meglio del bidello.

Annunci

Pubblicato il 5 gennaio 2012, in Intimismo, Mafia con tag , , . Aggiungi il permalink ai segnalibri. Lascia un commento.

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: